Palazzo Frescobaldi

Il centro di Firenze, l'Arno, i lungarni e il palazzo della Missione (G. Zocchi, L'Arno al Ponte Santa Trinita, circa 1741, © Collezione Carmen Thyssen-Bornemisza presso il Museo Thyssen-Bornemisza, Madrid).

Il palazzo della Missione si trova sul luogo dove sorgeva il più importante palazzo della famiglia dei Frescobaldi. L'antico palazzo, edificato intorno al 1200, fu incendiato nel Trecento e poi distrutto in parte nel Cinquecento. Occupato poi dai monaci Osservanti Francescani passò nel 1575 ai Padri Scopetini che nel 1640 ampliarono il complesso affidando i lavori a Bernardino Radi: sono attribuite al suo intervento anche le finestre del fronte che si affaccia sull’Arno e la facciata barocca, che ospita quattro nicchie con busti dei granduchi.

Quando la capitale d’Italia venne trasferita a Firenze, il palazzo fu destinato a sede del Ministero della Marina. Ai Padri Missionari rimase solo una piccola porzione dell’edificio (si ha notizia della loro presenza anche nel 1924 ma poi abbandonarono definitivamente l’edificio).

Agli inizi del 1900 il palazzo venne destinato ad uso scolastico come “Reale Istituto Superiore di Magistero Fiorentino” e nel 1924 la scuola venne intitolata alla memoria di Gino Capponi.

(Fonte delle notizie storiche: Leonardo Ginori Lisci, I Palazzi di Firenze, Firenze, Cassa di Risparmio, 1972; Provincia di Firenze)

IL PALAZZO DELLA MISSIONE ED I SUOI TESORI - Approfondimento a cura della classe VD a.s.2008/2009

 

Torna su