I Dialoghi del Machiavelli

Dando concreta attuazione al Progetto Biblioteche Innovative, che prevede fra i suoi obiettivi la realizzazione di attività collegate alla Biblioteca e l’apertura al territorio con iniziative di carattere culturale, il Liceo Machiavelli presenta i «Dialoghi del Machiavelli», un ciclo di conversazioni fra docenti, studiosi e studenti che privilegia la modalità del dialogo per la costruzione del sapere. L’iniziativa si svolge sotto il Patrocinio del Comune e della Città Metropolitana di Firenze e prevede la partecipazione dell’impresa simulata BIM (Biblioteca Innovativa Machiavelli, progetto di Alternanza Scuola Lavoro della classe III B del Liceo Classico).

 

Calendario degli eventi

sabato 25 novembre 2017

- ore 17:00 Alessandro Sardelli presenta insieme a Vincenzo Bonaccorsi e agli studenti della III B, il Progetto Biblioteca Innovativa

- ore 18:00 Marino Biondi conversa con Leonardo Bucciardini su Vasco Pratolini: cento anni di cronache

Un pomeriggio alla scoperta delle potenzialità di una Biblioteca Innovativa con Alessandro Sardelli, ex direttore della Marucelliana, e del romanziere che più di ogni altro ha dato voce al Quartiere dell’Oltrarno con Marino Biondi, professore di Letteratura italiana all'Università di Firenze,

 

lunedì 18 dicembre 2017

- ore 17:00 Conversazione su Antonio Gramsci con Noemi Ghetti, a cura di Vincenzo Bonaccorsi

In occasione dell’ottantesimo anniversario dalla morte di Antonio Gramsci, la scrittrice presenta i due volumi Gramsci nel cieco carcere degli eretici (Asino d’Oro, 2014), dedicato all’interpretazione gramsciana del canto X dell’Inferno, e La cartolina di Gramsci (Donzelli, 2016), che ricostruisce il periodo meno indagato della vita politica e affettiva dell’intellettuale.

 

venerdì 12 gennaio 2018 - Notte del Liceo Classico

- ore 17.30 Enzo Fileno Carabba conversa con Leonardo Bucciardini su Antichi e moderni

- ore 19.00 Nostalgia del classico in Hölderlin e Leopardi, letture a cura di Matilde Lombardi, Mirco Mastrototaro, Alessandro Neri e Martina Venturini, studenti della V F Liceo Internazionale

- ore 20.30 Enrico Magnelli dialoga con Maurizio Ciappi sulla Tradizione del classico

Che cos'è un classico? Perché leggerlo o, inevitabilmente, rileggerlo? Perché alcuni classici paiono attraversare indenni i secoli costituendo il «canone occidentale», e ad altri è riservato, invece, un mesto declino? Come furono visti i classici da grandi scrittori come Hölderlin e Leopardi che sono per noi oggi - essi stessi - modelli di poesia? E infine, con quale approccio studiare, nel mondo contemporaneo, le lingue classiche? Ne parliamo con lo scrittore Enzo Fileno Carabba, vincitore del Premio Calvino, con Matilde Lombardi, Mirco Mastrototaro, Alessandro Neri, Martina Venturini, studenti della V F del Liceo Internazionale, e con Enrico Magnelli, professore di Lingua e letteratura greca all'Università di Firenze.

 

martedì 23 gennaio - in occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio)

- ore 17.00 Ugo Caffaz conversa con Leonardo Bucciardini per una Riflessione sul Giorno della Memoria

A partire da un film-documento che ritrae i campi di sterminio all'indomani dell'arrivo delle truppe sovietiche e alleate, la riflessione di Ugo Caffaz, ideatore del Treno della Memoria e consigliere per le politiche della Memoria della Regione Toscana. Qual è il significato del Giorno dedicato al ricordo della Shoah? Come interpretare il negazionismo e il riduzionismo? Come educare al rispetto anziché all'odio le nuove generazioni?

 

giovedì 8 febbraio - in occasione del Mese della Storia

- ore 17.00 Vanessa Roghi presenta La lettera sovversiva. Da don Milani a De Mauro, il potere delle parole (Laterza, 2017), conversazione a cura di Elena Parrini

Qual è il significato di Lettera a una professoressa, se ne rileggiamo il messaggio in chiave storica? «Don Lorenzo Milani, pronipote del filologo Comparetti, sapeva bene che le lingue sono una 'quistione' storica, sapeva che nessuno è predestinato ad essere analfabeta, sapeva che sulla lingua si può e si deve lavorare [...]. Aveva per questo aperto un doposcuola in parrocchia [...]. Aveva invitato intellettuali a parlare di cose difficili ai ragazzi, perché sapeva bene che la complessità è formativa e che non ci sono cose “vere in città e false in campagna”». Con queste parole Vanessa Roghi, docente di Storia all'Università di Roma La Sapienza e autrice di documentari per «La Grande Storia», presenta il suo lavoro sull'«Indice dei libri del mese» (25 luglio 2017).

 

venerdì 23 febbraio - in occasione del Mese della Storia

- ore 17.00 Luigi Nepi con Leonardo Bucciardini, Perché La corazzata Potëmkin non è «una boiata pazzesca»

Oggetto di una proverbiale battuta denigratoria di Fantozzi (Il secondo tragico Fantozzi, diretto nel 1976 da Luciano Salce), La corazzata Potëmkin di Sergej Michajlovič Ėjzenštejn è in realtà una pietra miliare della cinematografia di tutti i tempi. La trama è estremamente scarna: i membri dell'equipaggio, umiliati dal trattamento inumano cui vengono sottoposti, sono i protagonisti di un ammutinamento che darà il via alla Rivoluzione russa del 1905. Ma la rielaborazione filmica dei fatti storici, realizzata nel 1925 - ventesimo anniversario dell'evento - con uno stile corale e visionario, getta luce anche sul rapporto fra cinema e propaganda. Il critico cinematografico Luigi Nepi ci conduce alla scoperta del capolavoro russo che non smette di accendere la fantasia dei cinefili, tanto che una versione psichedelica della pellicola è stata realizzata nel 2004 con la colonna sonora dei Pet Shop Boys.

 

giovedì 22 marzo

- ore 15.00 Gino Tellini con Francesca Mecatti, Intorno alla Storia del romanzo italiano (Le Monnier, 2017)

«Questa Storia del romanzo italiano non offre soltanto un affollatissimo campionario di opere e di autori, bensì intende tracciare la carta d'identità e il diagramma (anche biografico) d'un genere umiliato e offeso, che è giunto a imporsi oggi come il prodotto più appetibile e seducente nel paesaggio letterario contemporaneo. Ma è stato un percorso accidentato: la storia della lenta e faticosa conquista d'un primato. [...] L'ideale destinatario del libro è un lettore desideroso di essere informato su come le cose si sono svolte, ma anche curioso di interrogarsi sul perché si sono svolte in quel modo, e non altrimenti» (dalla quarta di copertina). Professore di Letteratura italiana all'Università di Firenze, Gino Tellini guida un pubblico non specialista a ricostruire il reticolo di relazioni - fra storia, biografia e società - di cui il romanzo, come scriveva Stendhal, ambisce a farsi specchio: dagli esordi secenteschi all'Ortis, da Manzoni a Verga, da Svevo ai nostri giorni.

 

martedì 10 e 17 aprile

- ore 15:00 Marino Rosso con Gabriella Scupola, Geometrie non euclidee

Scritti tra il IV e il III secolo a.C., gli Elementi di Euclide hanno rappresentato per millenni la base sulla quale si è sviluppata la Geometria. Tutta la complessa struttura è basata su cinque postulati, che vengono considerati evidenti e quindi non necessitano di dimostrazione. Nel XIX secolo, cominciando a negare o a modificare alcuni dei postulati degli Elementi, si sono iniziate a sviluppare le Geometrie non euclidee. Uno dei postulati di base, il quinto, detto anche delle rette parallele, ha sempre avuto un ruolo particolare, essendo più complesso e meno intuitivo degli altri quattro. Per molti secoli i matematici hanno tentato di chiarirne il mistero fino a che, nel XIX secolo, si è capito che, negandone la validità, si potevano aprire orizzonti sorprendenti. Le due geometrie non euclidee più famose, come classificate da Klein, sono la Geometria iperbolica (Gauss, Bolyai, Lobachevsky) e la Geometria ellittica (Riemann). Progressivamente, negli ultimi due secoli, i concetti delle geometrie non euclidee sono entrati a far parte degli strumenti intellettuali a disposizione degli scienziati, dei filosofi e degli artisti. Vengono utilizzate ad esempio nella Teoria della Relatività, per indagare la reale struttura spazio-temporale del nostro Universo. Un artista che ha saputo impiegare con maestria alcuni concetti delle geometrie non euclidee è M.C. Escher. Basandosi sul modello di Poincaré della geometria iperbolica, ha per esempio realizzato la famosa serie dei Circle Limit, in cui le figure si infittiscono, apparentemente all’infinito, avvicinandosi ai bordi di un disco (nota a cura di Antonino Labate).

 

venerdì 20 aprile

- ore 15:00 Angelo D’Orsi con Leonardo Bucciardini, 1917. L’anno della rivoluzione (Laterza, 2016)

A marzo una rivoluzione "democratica" costringe lo zar Nicola II ad abdicare. In aprile gli Usa fanno il loro ingresso nel conflitto mondiale, a maggio tre pastorelli vedono una "Signora" biancovestita a Fatima in Portogallo, a luglio il capitano inglese Lawrence (detto poi d'Arabia) strappa Aqaba ai turchi e ad agosto Benedetto XV pronuncia le sue parole contro "l'inutile strage" che da tre anni sta insanguinando l'Europa e il mondo. A settembre si moltiplicano gli ammutinamenti al fronte e i tumulti nelle città contro la guerra, ad ottobre a Parigi viene fucilata Margaretha Zelle, danzatrice nota come Mata Hari, e contemporaneamente le truppe italiane vengono travolte a Caporetto. A novembre, mentre i bolscevichi conquistano il Palazzo d'Inverno, la Dichiarazione Balfour apre la strada alla creazione dello Stato di Israele e a una nuova organizzazione del Medio Oriente. A dicembre in Italia il presidente del Consiglio Orlando esorta il paese a "resistere! resistere! resistere!"... Dodici mesi per raccontare, tra fatti e ideologie, l'anno in cui tutto è cambiato, in cui il Novecento si è fatto secolo, in cui sono stati stretti nodi che ancora ci imprigionano. Un affresco mosso e dai colori forti e appassionati. Dodici capitoli attraverso i quali l'autore suggerisce accostamenti inediti e riferimenti al presente, che per tanti versi ne ha raccolto l'eredità.

 

lunedì 7 maggio

- ore 15:30 Elena Pulcini e Dimitri D'Andrea presentano il volume Felicità italiane. Un campionario filosofico  (Il Mulino, 2016)

Questo non è l’ennesimo libro sulla felicità, completo - come tanti altri che affollano le librerie - di istruzioni per l’uso. Risultato di un lungo lavoro e di un’intensa discussione tra filosofi di diverse generazioni, non dà consigli per essere felici, né cerca di definire cosa sia la felicità. Si chiede invece dove la si cerca. In particolare, in quali ambiti la cercano gli italiani. In diciassette brevi saggi viene presentato un campionario, non esaustivo ma accuratamente selezionato, di ciò che oggi ci rende felici. Dall’amore alla religione, dalla moda alla politica, dal cibo allo smartphone, dalla casa agli psicofarmaci, per citare solo alcuni dei temi affrontati, il libro offre uno scenario prismatico delle nostre aspettative di felicità che, tra stereotipi e novità, si rivela non privo di sorprese (dalla quarta di copertina).

 

lunedì 21 maggio

- ore 15:30 Andrea Muzzi conclude il ciclo dei Dialoghi del Machiavelli dell'a.s. 2017-2018 con la conferenza Palazzo Rinuccini: un incontro privilegiato con l'arte e con la storia

Quale storia raccontano le mura, le sale, il teatro e gli affreschi del palazzo nel quale è ubicato uno dei due plessi del Liceo Machiavelli? La struttura di Palazzo RInuccini, in via Santo Spirito, nasce da successive annessioni: il nucleo centrale dell'edificio, espropriato dai Medici alla famiglia Soderini nel 1513, fu acquistato dai Rinuccini nel 1606. Da questo momento i nuovi proprietari hanno provveduto ad ampliarlo includendo alcune abitazioni e due importanti edifici adiacenti: il primo, che affaccia su via Maffia, fu annesso nel 1693, mentre il secondo, che fa angolo con via dei Serragli, a inizio '800. Il risultato di questi processi di ristrutturazione è un complesso che si sviluppa su tre piani, uno scrigno di memorie artistiche e storiche.

- ore 16:30 Dedicazione della Sala di lettura alla ex allieva Valentina Gallo

- ore 17:00 Quartetto d’Archi dell’Orchestra Regionale Toscana

L. Boccherini (1743-1805) Quartetto in Re maggiore Op. 8 n. 5

Presto, Rondò – Allegretto

W.A. Mozart (1756-1791) Quartetto KV 156 in Sol maggiore

Presto, Adagio, Tempo di minuetto

 

 

Torna su